Lingua:     PORTUGUÊS    •    ITALIANO
Pagina Iniziale
1) Democrazia
2) Repubblica presidenziale
3) Assemblea legislativa
4) Potere giudiziario
5) Federalismo
6) Sistema economico
7) Tasse
8) Tutela ecologica
9) Educazione civica
10) Anti-razzismo
11) Lavoro
12) Moneta mondiale
13) 35 ore
14) Lingua unica mondiale
15) Televisione
16) Casa
17) Droghe
18) Immigrazione
19) Fitness e sport
20) Tutela animali
21) Anti-aborto
17) DROGHE

Dobbiamo avere una chiara, corretta, efficace informazione e sensibilizzazione sui danni di tutte le droghe.
Il consumo o l'abuso di droghe è sintomo di incoscienza, di autolesionismo, di profondo disagio personale e sociale. A questa debolezza dell'individuo contribuiscono anche fattori esterni, fattori sociali e culturali, come per esempio un'informazione scorretta sui danni delle droghe oppure il messaggio che usare droghe significa essere liberi, originali.
La legge può considerare legali alcune droghe se non causano un danno sociale grave oppure se sono utili per finalità mediche; negli altri casi deve essere illegale la produzione, la vendita, il possesso, il consumo.
Le droghe possono danneggiare anche persone che non le usano: incidenti stradali e sul lavoro che coinvolgono persone innocenti; reati di rapina per procurarsi il denaro necessario per acquistare la droga e combattere le crisi di astinenza; spese sanitarie di Stato per curare i consumatori di droga.
L'alcol e alcune altre droghe inducono a un abbassamento del livello di controllo comportamentale e questo parzialmente contribuisce al verificarsi di molte violenze sessuali e maltrattamenti sia su donne sia su bambini, al verificarsi di comportamenti sessuali a rischio i quali provocano gravidanze indesiderate, infezioni o malattie sessualmente trasmissibili.
Le droghe sono particolarmente pericolose per i giovani: molte persone sono diventate dipendenti dalla droga solo per una scelta sbagliata fatta da giovani.
Consumare droghe pertanto non è quasi mai paragonabile alla libera scelta di consumare un cibo dannoso, perché mangiare cibi dannosi non è un pericolo per la sicurezza degli altri.
Alcune persone sostengono che è preferibile usare l'informazione e la sensibilizzazione ma legalizzare tutte le droghe, per togliere guadagni alle associazioni criminali: tuttavia questa idea è errata perché il danno arrecato alla società sarebbe molto più grave del danno arrecato alle associazioni criminali.


ALCUNI RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

  1. DROnet - Network Nazionale Italiano Sulle Dipendenze, progetto a cura del governo italiano, in collaborazione con il National Institute on Drug Abuse (USA) e con il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Italia), Sostanze d'abuso, anno 2011, classificazione sostanze pubblicata su sito internet, http://www.dronet.org/sostanze/vis_sos.php

  2. Ministero Italiano della Salute, La cannabis non è una droga leggera, settembre 2003, nota informativa del Ministero della Salute, http://www.salute.gov.it/resources/static/news/cannabis/cannabis08092003.pdf

  3. ANSA, Agenzia di informazione, Sos cannabis, altera il dna: più rischio cancro, data 17/06/2009, articolo pubblicato su sito, http://www.ansa.it/opencms/export/site/notizie/rubriche/inbreve/visualizza_new.html_990424947.html

  4. DROnet - Network Nazionale Italiano Sulle Dipendenze, progetto a cura del governo italiano, in collaborazione con il National Institute on Drug Abuse (USA) e con il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Italia), Droga: troppi spinelli mandano in fumo la memoria, data 14/03/2006, articolo pubblicato su sito internet, http://basilicata.dronet.org/comunicazioni/res_news.php?id=992

  5. Emanuela Di Pasqua, Studio australiano su forti fumatori: la cannabis «riduce» il cervello. Le aree deputate al controllo di emozioni, memoria, paura e l’aggressività perdono dal 7 al 12%, data 03/06/2008, articolo pubblicato su “Il Corriere della Sera”, http://www.corriere.it/salute/08_giugno_03/cannabis_cervello_a1c275ae-3171-11dd-a85a-00144f02aabc.shtml

  6. Leonard Holmes, THC may Cause Schizophrenia-like Symptoms, giugno 2004, articolo pubblicato sul sito “About.com”, http://mentalhealth.about.com/od/chemicaldependency/a/thcyale604.htm

  7. ANSA, Agenzia di informazione, Cannabis può portare a pensieri suicidi - secondo uno studio trentennale australiano-neozelandese, data 25/09/2012, articolo pubblicato su sito, http://ansa.it/web/notizie/rubriche/scienza/2012/09/25/Cannabis-puo-portare-pensieri-suicidi_7526990.html

  8. Chiesa Cattolica, Catechismo della Chiesa Cattolica, anno 1997, art. n.2290-2291, http://www.vatican.va/archive/catechism_it/p3s2c2a5_it.htm

  9. Papa Giovanni Paolo II, Lettera di Papa Giovanni Paolo II al direttore esecutivo del programma internazionale delle Nazioni Unite per il controllo delle droghe in occasione della giornata internazionale contro l'abuso e il traffico illecito di droghe, data 15/06/1996, http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/letters/1996/documents/hf_jp-ii_let_19960615_drogas_it.html

  10. Pontificio Consiglio per la Pastorale della Salute, XV congresso internazionale organizzato dal pontificio consiglio per la pastorale della salute su “sanità e società”, anno 2000, http://www.vatican.va/roman_curia/pontifical_councils/hlthwork/documents/rc_pc_hlthwork_doc_20001117_xv-conf-health_it.html