Lingua:     PORTUGUÊS    •    ITALIANO
Pagina Iniziale
1) Democrazia
2) Repubblica presidenziale
3) Assemblea legislativa
4) Potere giudiziario
5) Federalismo
6) Sistema economico
7) Tasse
8) Tutela ecologica
9) Educazione civica
10) Anti-razzismo
11) Lavoro
12) Moneta mondiale
13) 35 ore
14) Lingua unica mondiale
15) Televisione
16) Casa
17) Droghe
18) Immigrazione
19) Fitness e sport
20) Tutela animali
21) Anti-aborto
21) ANTI-ABORTO

21.1. Una legge per proibire l'aborto volontario.

Se c'è il consenso popolare l'aborto volontario deve essere proibito al contrario significherebbe che i genitori hanno la libertà di uccidere i propri figli non ancora usciti dall'utero.
Gli unici casi di aborto lecito sono: l'aborto spontaneo; l'aborto indiretto cioè quando l'aborto è una conseguenza collaterale di un intervento per tutelare la vita della madre o del figlio.
Le sanzioni penali per l'aborto volontario devono essere molto ridotte rispetto all'omicidio perché ci sono attenuanti psicologiche, sociali, scientifiche. Sono adeguate pene simili a quelle di alcuni codici penali europei nel Novecento: la reclusione da 4 mesi a 3 anni, a seconda delle circostanze che variano la gravità, per coloro che procurano o acconsentono all'aborto.
Se la donna non può o non vuole svolgere la funzione di madre allora ha il diritto di dare anonimamente il figlio in adozione: questo è meno grave che ucciderlo con l'aborto.
I centri che raccolgono bambini abbandonati e li danno in adozione devono essere luoghi adeguati per la crescita sana dei bambini.
Lo Stato, la società devono dare rispetto, un'adeguata assistenza psicologica, sanitaria, economica alle donne in difficoltà che sono in gravidanza. È importantissimo che la donna non si senta abbandonata, disperata.
Occorre molta attenzione per le gravidanze non desiderate dunque occorre una corretta educazione sessuale e la spiegazione della scorrettezza dell'aborto.

21.2. Coerenza nella difesa dei diritti della persona.

La persona è, come definiscono molti dizionari, “ogni essere umano in quanto tale, senza distinzione di sesso, età e condizione”.
La vita della persona inizia dal costruirsi dello zigote e termina con la morte cioè con la cessazione irreversibile delle funzioni cardiocircolatoria, respiratoria e nervosa; la vita della persona attraversa le seguenti fasi: zigote => embrione => feto => neonato => bambino => adolescente => adulto => anziano.
Se affermiamo che la persona innocente ha diritto alla vita e all'integrità fisica allora per coerenza questa affermazione deve valere sempre, quando la persona è dentro o fuori l'utero.
Se proteggiamo i diritti della persona malformata, disabile, malata allora questo deve valere quando la persona è dentro o fuori dall'utero. Solo il diretto interessato può decidere della propria vita. La società, le persone sane hanno solo il dovere di aiutare e rispettare le persone menomate fisicamente.
Tuttavia l'interruzione di procedure mediche onerose, pericolose, straordinarie o sproporzionate rispetto ai risultati attesi può essere legittima. In tal caso si ha la rinuncia all'accanimento terapeutico. Così non vogliamo dare la morte: accettiamo di non poterla impedire.

21.3. Coscienza di sé, cervello, persona.

Alcuni abortisti sostengono che lo zigote, l'embrione, il feto non è una persona o non ha il diritto alla vita e all'integrità fisica perché non ha una coscienza di sé, non ha un cervello umano formato e funzionante: questa tesi è sbagliata perché seguendo questo criterio non dovremmo considerare persone con diritto alla vita neanche alcuni disabili mentali che non hanno consapevolezza di sé, che non hanno un cervello interamente formato e funzionante, che non potrebbero sopravvivere da soli.
L'essere umano innocente deve essere tutelato in quanto essere umano innocente, non perché ha una corteccia cerebrale correttamente sviluppata.

21.4. Zigote, embrione, feto, persona.

Alcuni abortisti sostengono che lo zigote, l'embrione, il feto non è una persona ma solo una parte del corpo della madre, come il fegato o un rene; non potrebbe sopravvivere da solo: questo argomento è assurdo perché è scientificamente chiaro che lo zigote, l'embrione, il feto è un individuo umano con un suo patrimonio genetico, diverso dalla madre e dal padre; inoltre nessuno può sopravvivere da solo nei primi anni di vita.


ALCUNI RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

  1. Chiesa Cattolica, Catechismo della Chiesa Cattolica, anno 1997, art. n.2270-n.2275, http://www.vatican.va/archive/catechism_it/p3s2c2a5_it.htm

  2. Papa Giovanni Paolo II, Enciclica Evangelium vitae, anno 1995, capitolo 3, paragrafi n.58-63, n.71-73, http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/encyclicals/documents/hf_jp-ii_enc_25031995_evangelium-vitae_it.html

  3. Congregazione per la Dottrina della Fede, Chiarificazione della Congregazione per la Dottrina della Fede sull'aborto procurato, data 11/07/2009, http://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/documents/rc_con_cfaith_doc_20090711_aborto-procurato_it.html

  4. Congregazione per la Dottrina della Fede, Istruzione Dignitas Personae su alcune questioni di bioetica, data 08/09/2008, paragrafi n.4-5, http://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/documents/rc_con_cfaith_doc_20081208_dignitas-personae_it.html

  5. Congregazione per la Dottrina della Fede, Risposte ai dubbi proposti circa “l'isolamento uterino” ed altre questioni, data 31/07/1993, http://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/documents/rc_con_cfaith_doc_31071994_uterine-isolation_it.html

  6. Stato Italiano, Codice Penale (Regio Decreto 19 ottobre 1930, n. 1398), anno 1930, Libro Secondo “Dei delitti in particolare”, Titolo X “Dei delitti contro l'integrità e la sanità della stirpe”, art. n.545-555, http://www.dirittoeprocesso.com/index.php?option=com_content&view=article&id=2801:titolo-x-dei-delitti-contro-lintegrita-e-la-sanita-della-stirpe-artt-545-555&catid=101:codice-penale&Itemid=147

  7. Antonio Gaspari, La confessione di un medico ex abortista. Il dottor Bernard Nathanson svela le tecniche per ingannare l’opinione pubblica sul tema dell’interruzione di gravidanza, gennaio 2006, articolo pubblicato sul sito “L'Ottimista”, http://segnideitempi.blogspot.com/2010/03/la-confessione-di-un-medico-ex.html

  8. Luca Volontè, Tre milioni di aborti all'anno: il prezzo della febbre da femminismo libertario, data 10/03/2010, articolo pubblicato sul sito “Il Sussidiario.Net”, http://www.ilsussidiario.net/articolo.aspx?articolo=71869